FARE E’ CONNETTERE, MA STAI SEDUTO E ASCOLTA VINCE ANCORA.

Sfida, divertimento, azione, sudore e risultato. Classico per un tranquillo lunedi a calcetto ma molto meno scontato se si tratta di riqualificazione urbana. Passare da cittadini a giocatori rischia di essere uno sforzo culturale più grande di quanto ci si possa aspettare.

A Kansas City ci hanno provato attivando il più grande “gioco” fra quartieri che la progettazione partecipata possa aver visto, se non per il numero di partecipanti sicuramente per il budget economico che il progetto mette in campo.  1 città, 10 quartieri, 1 obiettivo. Finanziare la costruzione di una rete di bike sharing, la cui costruzione richiede un investimento di un milione di dollari. Per cercare di stimolare i cittadini sono state create 10 campagne di crowdfunding, una per ogni quartiere della città e ogni quartiere ha il compito di raccogliere 100.000 dollari ciascuno. Anche qui ritroviamo quelli elementi di “crowd-marketing-sociale” che erano emersi già in altre campagne (ex. passerella pedonale di Rotterdam). 

kansas

Dividere la città in “squadre” con un unico obiettivo vuole avere l’effetto di non di mettere un quartiere contro l’altro ma di far si che i gruppi che sono più motivati, alfabetizzati digitalmente, consapevoli dei vantaggi del metodo, coinvolgano gli altri verso il target finale perchè la vittoria non è del singolo ma della collettività. 

Questo esempio di adatta perfettamente al motto “fare è connettere” che David Gauntlett ha sapientemente promosso nel suo libro riguardante la società dei makers e che io ho voluto trasportare nel mondo del civic crowdfunding, convinto che i cittadini hanno ora la possibilità di sfruttare questo metodo per portare uno sviluppo sostenibile alla città basato sul capitale umano ma anche economico e naturale.

Lo gestione della città passa attraverso una piramide in cui in vetta si trova la PA e poi a scendere tutti i protagonisti della crescita urbana: imprese, associazioni e cittadini. Il civic crowdfunding oltre che rafforzare i legami fra tutti queste parti da anche la possibilità di ribaltare questa piramide facendo si che i cittadini non siano solo consumatori di servizi ma anche promotori di idee e anche di progetti pubblici invertendo il flusso e facendo si che siano proprio le istituzioni a seguirli e non viceversa.

Twitter-Social-Tv-Euro-

Ora abbiamo i metodi e gli strumenti e in parte anche la cultura e la consapevolezza, ma il “fare” richiede un grande sforzo; nonostante internet abbia o stia “cambiando tutto”, la sua componente passiva che si rifà alla televisione è ancora dominante, siamo più soggetti ad un “effetto like” che a essere propositivi, attivare neuroni per commentare o attivare il fisico per andare a una conferenza, laboratorio o  workshop. Quindi perchè non utilizzare i metodi passivi di comunicazione di massa per attivare la cittadinanza, un uso sapiente del marketing legato a TV, radio, stampa, testimonial ecc… e in contemporanea  la riduzione del digital divide e l’alfabetizzazione digitale.

Non diamo ad internet tutto il peso del cambiamento perchè il processo potrebbe essere più lungo del previsto.

Annunci

Un pensiero su “FARE E’ CONNETTERE, MA STAI SEDUTO E ASCOLTA VINCE ANCORA.

  1. […] In questo post scrivevo: “Ora abbiamo i metodi e gli strumenti e in parte anche la cultura e la consapevolezza, ma il “fare” richiede un grande sforzo; nonostante internet abbia o stia “cambiando tutto”, la sua componente passiva che si rifà alla televisione è ancora dominante, siamo più soggetti ad un “effetto like” che a essere propositivi, attivare neuroni per commentare o attivare il fisico per andare a una conferenza, laboratorio o  workshop. Quindi perchè non utilizzare i metodi passivi di comunicazione di massa per attivare la cittadinanza, un uso sapiente del marketing legato a TV, radio, stampa, testimonial ecc… e in contemporanea  la riduzione del digital divide e l’alfabetizzazione digitale.” […]

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...